logo sito

MONTE GRAPPA

ANELLO NATURALISTICO DEL GRAPPA

Limite tra bosco, arbusteto, praterie e molto altro

20 maggio 2018
Organizza: CAI Dolo

L'Anello naturalistico del Grappa è un percorso ideato e pubblicato nel 1996 da CASSOL M., LASEN C., TOFFOLET L. (Ed. Regione Veneto), studiato ad hoc per favorire la conoscenza della varietà degli ambienti e della loro ricchezza floristica in un massiccio prealpino ricco di storia e di biodiversità (BUSNARDO G., LASEN C. "Incontri con il Grappa: il paesaggio vegetale". Ed. Moro, Centro Incontri con la Natura "don Paolo Chiavacci", Crespano del Grappa), complessivamente ben conosciuto e facilmente accessibile. I fenomeni di competizione che sono alla base del dinamismo vegetazionale sono ben osservabili e molti ambienti si stanno rinaturalizzando spontaneamente dopo che gli eventi bellici avevano contribuito a depauperarli.

Come in altri massicci montuosi delle catene esterne (prealpine), il limite naturale del bosco risulta depresso, inferiore alla norma. Ma, fatto salvo un effetto crinale o vetta, in cui la vegetazione erbacea è favorita rispetto a quella legnosa, si può osservare come la vegetazione potenziale sia rappresentata da componenti forestali anche alle quote più elevate. Per via dei microclimi e delle pregresse forme di utilizzazione del suolo, formazioni arbustive ed erbacee si alternano a mosaico in vari siti e consentono di apprezzare la competizione che significa anche, e in particolare, la migliore e più vantaggiosa utilizzazione delle risorse del suolo, anche entro spazi ristretti. La geomorfologia di dettaglio svolge un ruolo determinante, a tal proposito.

La componente forestale è caratterizzata da faggete altimontane, con presenza di conifere che peraltro non formano una fascia di pertinenza, limitandosi a nuclei isolati o singoli alberi. Non mancano formazioni arbustive, talora estese e caratteristiche che includono mughete e saliceti (talvolta con ontano verde). A livello floristico gli aspetti prativi restano i più attraenti con varie comunità riconducibili a seslerieti negli aspetti primari, e a situazioni più pingui (poeti, triseteti, raramente nardeti più magri e acidi) nei versanti a suo tempo pascolati o falciati. Non mancano, infine, altri tipi di habitat con vegetazione pioniera di rupi e ghiaioni, piccole sorgenti e ambienti nitrofili e ruderali derivanti dalle attività antropiche.

Qui puoi scaricare il programma completo dell'uscita in formato PDF
logo CAI
logo TAM
logo ARCAM
logo GIOVANE MONTAGNE

per le iscrizioni puoi chiamare il 348 1800969 (ore serali)

o inviare una mail a: iscrizioni@viverelambiente.it

qui puoi scaricare la scheda di iscrizione

per ISCRIVERSI ALLA MAILING LIST e per qualsiasi informazione invia una mail a: info@viverelambiente.it

webmaster: Matilde CONSALES & Marco ZAMPIVA