logo sito

PARCO NAZIONALE DELLE DOLOMITI BELLUNESI

giornata europea dei parchi

Covoli di Lamen

Natura e presenza umana

Covoli di Lamen

domenica 24 maggio 2015

Il Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi istituito con Decreto Ministeriale del 20 aprile 1990. L'Ente Parco, che gestisce l'area protetta, è nato il 12 luglio 1993, con decreto del Presidente della Repubblica. È ubicato nella zona centromeridionale della Provincia di Belluno tra le valli del Cismon ad Ovest e del Piave ad Est. L'estensione è di circa 32.000 ettari, 16.000 dei quali già costituiti in 8 Riserve Naturali appartenenti alla rete delle riserve biogenetiche (del Consiglio d'Europa).

La storia del territorio del Parco è anche soprattutto storia delle comunità che per secoli hanno vissuto e hanno lavorato in un ambiente ostile, con il quale hanno saputo raggiungere delicati punti di equilibrio, oggi spesso minacciati dalle trasformazioni globali dell' economia e della società mondiale.

Questa uscita vuol portarci a conoscere i Covoli, antichi ripari che dalla fine del IV millennio a.C., che sono stati utilizzati dagli uomini preistorici stagionalmente per l'allevamento, pur essendo situati in una zona impervia la loro frequentazione si è prolungata sino al Medioevo vi è stata infatti ritrovata una sepoltura dell'epoca e monete romano-imperiali, medioevali e veneziane.

Lo scavo del riparo TOMASS ha portato alla luce importanti informazioni su queste periodo storico lontano, ma significativo per la presenza umana più antica. Dall ’ analisi dei resti di pasto ritrovati con gli scavi archeologici si è appreso che venivano allevati esclusivamente animali domestici pecore, capre, bovini e maiali, dei siti utilizzati proprio come alpeggio e non zone di caccia. In questo ambiente particolare con un po ’ di fortuna si può incontrare il Mazarol, folletto dei boschi vestito tutto di rosso, buon conoscitore dei segreti della lavorazione del latte, che abita i covoli e vive schivo lontano dalle comunità umane.


Programma: Pedavena ex Municipio, visita al centro visitatori "il sasso nello stagno", incontro con i Funzionari del Parco che ci accompagneranno nell'escursione. Ci si porta poi a Passo Croce d'Aune.

Inizio della traversata con percorso lungo tratto de Sentiero delle Chiesette pedemontane, Sentiero dei Covoli della Val di Lamen bassi, Stalle alla Fornace e Lamen.

La prima parte del percorso si svolge su bosco misto, con belle aperture sulle austere pareti rocciose. Si incontrano alcuni ruderi di maiolere (Stalle Norcenadego, Stalle Camogne, Maragno), in salita quindi verso i Covoli a lambire le prime pareti rocciose delle Vette Feltrine sovrastanti per poi scendere verso Stalle Fornace.

Per strada sterrata raggiungeremo Lamen godendoci il bel paesaggio del terrazzo naturale nel quale è sorto. Il borgo con prevalenza di costruzione del 1800 è addossato al fianco montuoso per proteggersi dai venti di valle , lo spazio era tutto riservato alle coltivazioni per soddisfare i fabbisogni familiari.

Dalla metà del secolo scorso il paesaggio è mutato per dare spazio ai nuovi nuclei familiari che si staccavano dalle sequenze allungate abitative e dare origine ad abitazioni singole.

Qui puoi scaricare il programma completo dell'uscita in formato PDF
logo CAI
logo TAM
logo ARCAM
logo GIOVANE MONTAGNE

per le iscrizioni puoi chiamare il 348 1800969 (ore serali)

o inviare una mail a: iscrizioni@viverelambiente.it

per ISCRIVERSI ALLA MAILING LIST e per qualsiasi informazione invia una mail a: info@viverelambiente.it

webmaster: Matilde CONSALES & Marco ZAMPIVA